Comune di Gallio

Accensione di fuochi

Pubblicata il 19/04/2018
Dal 19/04/2018 al 19/05/2018

Dopo l’emanazione del decreto nazionale “Terra dei fuochi” e s.m.i. che prevede il divieto della combustione di materiale vegetale, la Regione del Veneto è intervenuta con propria normativa (L.R. n. 11 del 02.04.2014 - Bur n. 36 del 03.04.2014) stabilendo che l’accensione di fuochi per la combustione controllata di residui vegetali, è concessa purché vengano osservate le prescrizioni riportate dai singoli comuni.

Norme per l’abbruciamento di residui vegetali nel Comune di Gallio valide per accensione di fuochi ad una distanza superiore a 100 metri dai boschi
Il Comune di Gallio, in ottemperanza della Legge Regionale 2 aprile 2014, n. 11, e nelle more di adozione dello specifico regolamento, ha adottato una specifica ordinanza (n. 1/2018) che disciplina le modalità di abbruciamento di materiale vegetale residuale.
Le prescrizioni contenute nell’ordinanza sono le seguenti:

E’ consentita la combustione controllata sul luogo di produzione di materiale vegetale residuale naturale derivante da attività agricole o da attività di manutenzione di orti o giardini privati, effettuata secondo le normali pratiche e consuetudini e seguendo le seguenti prescrizioni: della L.R. 11/2014 e a quanto di seguito indicato:
    • Il giorno prima dell’abbruciamento si provvederà ad avvisare i Vigili del Fuoco telefonando ai numeri: 115 e l’Ufficio di Polizia Locale del Comune di Gallio tel. n. 0424 447921;
    • L’abbruciamento dovrà essere effettuato sul luogo di produzione degli scarti vegetali, all’interno della proprietà o del fondo in gestione;
    • La combustione dovrà avvenire ad adeguata distanza dagli edifici e dovrà essere effettuata su cumuli di dimensione limitata (massimo 1 metro cubo) di scarti agricoli provenienti dai fondi nei quali sono stati prodotti, avendo cura di isolare l’intera zona tramite una fascia libera da residui vegetali e di limitare il fronte dell’abbruciamento;
    • le operazioni di abbruciamento dovranno svolgersi nelle giornate di assenza di forte vento e preferibilmente umide;
    • durante tutte le fasi dell’attività e fino all’avvenuto spegnimento del fuoco, dovrà essere assicurata costante vigilanza da parte del produttore/conduttore del fondo o di persona di sua fiducia con divieto di abbandonare la zona fino alla completa estinzione di focolai e delle braci;
    • la zona in cui si esegue l’abbruciamento dovrà essere circoscritta e adeguatamente isolata al fine di evitare l’insorgere ed il propagarsi del fuoco, in particolare dovrà essere realizzata una fascia parafuoco di larghezza non inferiore a 5 metri priva di residui vegetali;
    • le ceneri derivanti dalla combustione del materiale vegetale dovranno essere distribuite sul terreno;
    • E’ vietato praticare l’abbruciamento nelle immediate vicinanze di insediamenti abitati. Qualora da tale attività derivassero disturbi e/o molestie alle persone, il responsabile ne risponderà ai sensi dall’art. 674 del Codice di Procedura Penale ;
    • E’vietata la combustione di materiali o sostanze diversi dagli scarti vegetali indicati nella presente ordinanza;
    • L’abbruciamento è consentito nei seguenti orari:
    • Nei giorni festivi, l’abbruciamento è consentito esclusivamente fino alle ore 12.00
    • le attività di abbruciamento sono assolutamente vietate nei periodi a rischio di incendio (ovvero quando insiste la dichiarazione dello stato di massima pericolosità per il propagarsi di incendi boschivi, emessa dalla Direzione Protezione Civile Regionale ). L’interessato prima di procedere dovrà informarsi preventivamente presso gli organi preposti (Comando Stazione Carabinieri Forestali di Asiago e/o Polizia Locale di Gallio)
    • le attività di abbruciamento, se non espressamente autorizzate dall’Unità Organizzativa Forestale Ovest ( Ex Servizio Forestale Regionale), sono vietate nell’interno dei boschi e a una distanza inferiore a m. 100 da essi fatta salva specifica autorizzazione rilasciata dall’Unità Organizzativa Forestale Ovest (ex SFR )
    • tutte le attività di abbruciamento devono comunque essere preventivamente comunicate al Comando di Polizia Locale di Gallio, mediante apposita modulistica resa disponibile dall’Ufficio Patrimonio con le indicazioni e prescrizioni sottoscritte dall’interessato. 
      • da marzo ad ottobre: dalle ore 06:00 alle ore 11:00 - dalle ore 15:00 alle ore 18:30;
      • da novembre a febbraio: dalle ore 07:30 alle ore 11:00 - dalle ore 14:30 alle 17:30;

 

ACCENSIONE DI FUOCHI A DISTANZA INFERIORE A 100 METRI DAI BOSCHI

Possono essere autorizzati dall’ Unità Organizzativa Forestale Ovest di Vicenza ( Ex Servizio Forestale Regionale), abbruciamenti controllati dei residui vegetali a una distanza inferiore a 100 metri dal bosco, ai soli fini della prevenzione degli incendi boschivi, previa presentazione di apposita istanza. Tali permessi vengono revocati nei periodi di massima pericolosità di incendi.
 


Allegati

Nome Dimensione
Allegato Legge Regionale 11-2014.pdf 238.01 KB
Allegato Ordinanza settore 5 n. 1 del 18.04.2018 combustione controllata residui vegetali.pdf 352 KB
Allegato Richiesta accensione fuochi a meno di 100 metri dal bosco.pdf 974.86 KB
Allegato Richiesta accensione fuochi per campeggi.pdf 18.66 KB
Allegato Comunicazione di abbruciamento (per distanze superiori a 100 metri dai boschi).docx 15.87 KB